Inception • Recensione

inception-locandina“Inception”, l’arte di controllare i sogni. Christopher Nolan, come si racconta, avrà davvero passato dieci anni a scrivere la sceneggiatura di questo straordinario film anche perché non potrebbe essere altrimenti.

Si potrebbe riassumere in breve il nucleo del film definendo la storia come il racconto di una rapina di una squadra di agenti ingaggiati per avventurarsi nella mente delle persone ed estrarre i più oscuri segreti dal loro subconscio ma è solo una scusa per narrare qualcos’altro.

Dom Cobb, Leonardo DiCaprio, viene assunto da un potente miliardario per fare l’opposto: per introdurre un’idea nella mente di un rivale, e lo fa così bene che egli ritiene che l’idea sia sua.

Questo non è mai stato fatto prima; le nostre menti sono così attente a idee estranee che il nostro sistema immunitario le riconosce come agenti patogeni.

Il tema centrale su cui gira tutto il film, dunque, sembra essere la capacità di creare coscientemente e navigare nel mondo dei sogni. Questo è il sogno lucido nella sua essenza.

Come il protagonista del film, lo spettatore di “Inception” non può mai essere abbastanza sicuro di trovarsi nel tempo del sogno o nel tempo reale. L’eroe spiega che non si può mai ricordare l’inizio di un sogno, e che i sogni che sembrano coprire le ore possono durare solo un breve periodo di tempo, ma non sai mai quando si sta sognando.

Inception non è solo belle località estere e realtà fantastiche di un sogno, i colpi di scena riccamente dettagliati si trasformano attraverso paesaggi onirici immaginari e realtà fisica. Ciascuno di questi mondi creati artificialmente sembrano pienamente realizzati fin nel più piccolo dettaglio, anche quello più surreale. Il regista usa la sua propensione ai sogni lucidi per creare immagini eleganti e mondi onirici che sono sconvolgenti per la loro perfezione.

Inception è uno di quei film che è al di là dell’essere brillante con una stratificazione sia narrativa che tematica. Al pubblico si richiede di prendere un insieme di regole, eccezioni, luoghi e abilità al fine di comprendere il testo, figuriamoci il sottotesto. Dallo spettatore è richiesta una concentrazione intensa, il film solleva idee e riflessioni complesse. Inception può essere complicato ma, in poche parole, è uno dei migliori film di sempre, non di meno lo attestano le caterve di premi e riconoscimenti.